Il Parco Cerillo ospita Libera – storia di una rivoluzione (in corso)

Lunedì 18 maggio il Parco Cerillo ha ospitato Fabio Giuliani, responsabile regionale di Libera – Associazione nomi e numeri contro le mafie.

L'esperienza in Campania di una delle più grandi reti nazionali di associazioni, capace di rivoluzionare negli anni coscienze e leggi, tracciando una nuova strada nella lotta alle mafie.

Libera è nata il 25 marzo 1995 con l’intento di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia. Attualmente Libera è un coordinamento di oltre 1600 associazioni, gruppi, scuole, realtà di base, territorialmente impegnate per costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la cultura della legalità. La legge sull’uso sociale dei beni confiscati alle mafie, l’educazione alla legalità democratica, l’impegno contro la corruzione, i campi di formazione antimafia, i progetti sul lavoro e lo sviluppo, le attività antiusura, sono alcuni dei concreti impegni di Libera.Logo_Libera

Libera è riuscita a dare nuova linfa al concetto di cittadinanza attiva, tanto caro allea Partnership che ha ideato e realizzerà il progetto “Parco Cerillo – Oasi di Ambiente & Cultura”, proponendo nuovi modelli e pratiche innovative a cittadini che vogliono essere protagonisti della vita della comunità. Grande interesse per le esperienze nel campo della gestione dei beni confiscati (i più “comuni”, forse, tra i ben comuni) che Fabio Giuliani ha descritto: Libera può vantare un curriculum di tutto rispetto, oltre che un ruolo da apripista viste le innovative esperienze realizzate sin dalla nascita dell'associazione e gli ottimi risultati raggiunti nel corso degli anni.

Ma si è parlato di futuro e di nuovi orizzonti: quelli di Libera, che “alza l'asticella” e punta a nuovi e importanti traguardi; quelli del Parco Cerillo, che aspira a diventare bene comune, vissuto e valorizzato; quelli delle persone presenti, che grazie a questo incontro, al Parco Cerillo e all'Associazione IoCiSto hanno scoperto di avere nuovi obiettivi e nuovi legami.